UFC, GSP a Conor McGregor: “Esci fuori dalla comfort zone, altrimenti cadrai in basso”

UFC – Durante la sua carriera nelle MMA, Georges “Rush” St-Pierre ha conosciuto ogni tipo di difficoltà dovuta a proprio successo.

In 22 incontri in UFC, l’atleta canadese ha conquistato il titolo mondiale in due categorie di peso differenti e ha difeso il titolo welter per ben nove volte. “GSP” è riuscito ha raggiungere un livello di fama e fortuna senza precedenti, mentre era costantemente minacciato da decine di giovani sfidanti affamati. Ha concluso la sua carriera con una striscia di 13 vittorie di fila.

Intervistato da ESPN, St-Pierre ha risposto a una domanda su Conor McGregor, uno dei pochi atleti che è riuscito a sorpassarlo in termini di successo finanziario e di riconoscimento.

Dalla conquista del titolo lightweight contro Eddy Alvarez a UFC 205 nel Novembre 2016, McGregor ha combattuto solamente tre volte, vincendo un unico incontro. Secondo le parole di St-Pierre, McGregor ha bisogno di un cambiamento drastico dei suoi allenamenti per poter tornare alla forma di campione.

“In ogni modo, per poter continuare a performare, hai bisogno di uscire dalla tua comfort zone. Durante un training camp, non puoi rimanere nella tua comfort zone perché devi cercare di ricreare gli stessi elementi che affronterai durante l’incontro. Quando ci sarà il vero incontro, non sarai mai nella tua comfort zone, quindi è imperativo che Conor, se vuole tornare sulla via del successo, ha bisogno di uscire dalla sua comfort zone. Non ha bisogno di essere il boss durante il suo training camp. Ha bisogno dei suoi allenatori che gli dicano di fare sparring con determinati ragazzi, di andare in determinati posti e di fare determinate cose. Anche se non gli fa piacere, ha bisogno di passare sotto questo. Perché, se rimani nella tua comfort zone, l’unica cosa che può succedere è cadere in basso. Hai il bisogno di fare questo.”

La più recente sconfitta di McGregor è avvenuta all’inizio di quest’anno a UFC 257 contro l’americano Dustin Poirier. Per la prima volta in carriera, l’irlandese ha subito una sconfitta per TKO.

St-Pierre ha guardato quell’incontro da vicino, in quanto commentatore della rete televisiva canadese in lingua francese RDS. Durante la telecronaca, St-Pierre ha fatto notare che l’enfasi di McGregor sulla boxe possa aver contribuito alla sua caduta.

“Questo può essere un fattore del perché lui ha perso quell’incontro. So che lui ha parlato di quanto sia stato colpito da quei calf kick. Quando sei in guardia nella boxe, molto spesso le tue gambe sono più larghe, quindi la maggior parte del tuo peso va sulla tua gamba portante, il che ti rende vulnerabile a quel tipo di calci alle gambe. Può essere stato un grosso fattore.”

Qualunque sia stata la ragione che non ha fatto performare al meglio McGregor, secondo St-Pierre, la cosa più importante è dare il giusto credito alla prestazione di Poirier. Atleti come lui e come Jan Blachowicz – che ha difeso il suo titolo dei massimi leggeri contro il campione dei pesi medi Israel Adesanya a UFC 259 – sono l’esempio di due atleti d’elite che non sempre ricevono i crediti che meritano, nonostante aver sconfitto numerosi atleti in hype.

“Stiamo parlando di Conor McGregor, ma perché non parliamo di Dustin Poirier. Poirier ha fatto un lavoro eccezionale, quindi non tralasciamo la sua performance, è stata meravigliosa. Si è meritato di vincere. A volte, quando perde qualcuno di così dominante, abbiamo la tendenza a parlare solamente del perché non è sembrato come al solito. Lo vediamo molto spesso, anche con Israel Adesanya e Jan Blachowicz.

“Ugualmente, in quell’incontro, Blachowicz  mi ha sorpreso molto. Ha dimostrato quanto lui sia forte. Non me lo sarei mai aspettato, non sapevo che fosse così forte. Stessa cosa per Dustin Poirier, non sapevo quanto realmente fosse forte.”

Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: