UFC, Kevin Holland riguardo il match con Vettori: “Ecco perché ho accettato”

UFC – Interessanti sono state le dichiarazioni riguardo il match di Vettori del prossimo fine settimana da parte di Kevin Holland. Ospite nella trasmissione del noto giornalista Ariel Helwani, il fighter americano ha rivelato di come è andata la vicenda e perché ha accettato la sfida.

Si parte guardando al 20 marzo, giorno in cui Holland perde miseramente contro Derek Brunson, in un match dominato da quest’ultimo e nettamente portato a casa. Big Mouth si trova soggiogato dal wrestling e dai takedown di Brunson, ma nonostante ciò parla a casaccio per tutto il match, forse per distrarre l’avversario o semplicemente per affrontare meglio la situazione.

Primi giorni di aprile: Darren Till si infortuna e Kevin dà subito la disponibilità per fare il sostituto, proponendosi dunque di aiutare UFC a rimediare il main event che altrimenti salterebbe. Ma così non andrà perché in un paio di giorni viene formalizzato il match: Marvin Vettori vs Kevin Holland, per la felicità di tutti.

Holland asserisce di avere un buon gameplan e di portare a termine il lavoro con il nostro Vettori. D’altra parte afferma anche che non importa come alla fine andrà perché ci sono cose più importanti nella vita. Una visione dunque che vorrebbe essere chiara, ma lo è solo in parte.

Dice che quando ha sentito del ritiro di Till, sapeva che la possibilità era nell’aria. In qualche modo ha fatto sì che UFC notasse la sua disponibilità, e alla fine, come per magia, si ritrova con un match programmato a 20 giorni esatti dall’ultimo con Brunson a UFC su ESPN 21.

A parte l’espressione in qualche modo stanca e un po’ provata, Holland parla di sé in 2 versioni, una più irrazionale, spettacolare e creativa, mentre l’altra più d’azione, ragionata e seria. Non c’è bisogno di scomodare Freud per un’analisi, in quanto tutta questa storia mostra soltanto della stramberia semplicemente fine a sé stessa.

Dice comunque di aver sofferto per la sconfitta subita nemmeno un mese fa, e il ritornare subito nell’ottagono è la cosa giusta da fare per rimettersi in sesto. Anche se è tornato in palestra da una settimana, anche se il peso è da aggiustare un po’ troppo rapidamente, anche se ha sgarrato col bere e col mangiare.

Lui comunque si sente pronto a varcare immediatamente la soglia dell’ottagono.

Benché non abbia nemmeno avuto il tempo per lavorare sul wrestling, dice comunque di avere un piano per contrastare Vettori. Forse non bisogna essere dei profeti per ipotizzare una sua strategia che miri a colpire inaspettatamente il nostro beniamino in un qualche tentativo di lotta ravvicinata a muro o a terra che sia.

https://www.instagram.com/p/CNKtGapJ1yQ/?utm_source=ig_web_copy_link

Gli viene chiesto poi come percepisce Marvin Vettori:

“È tipo un vitellone che ha imparato come si lotta. Ha un leggendario coach ed è cresciuto molto rispetto alla sconfitta che ricevette con Adesanya. Probabilmente si cimenterà sia in piedi che a terra come ha fatto Brunson, ma io sono pronto a rispondere attivamente ai suoi attacchi”.

Afferma anche che parlerà molto meno rispetto al match precedente, e si dimostrerà più concentrato con i suoi allenatori e con quello che deve essere portato a termine.

“Sarò un cecchino”.

Questo è il lavoro che dice di dover fare contro Marvin, e in qualche modo preannuncia l’obiettivo di colpire con una qualche rimessa improvvisa oppure un anticipo imprevedibile. Il tutto in maniera attiva, rispondendo tempestivamente, non rimanendo ad aspettare.

A parte il ripetere sempre le stesse parole e mostrare una certa sicurezza, Holland sa quello che andrà ad affrontare. È chiaro che dalla sua parte, c’è lo spunto, l’idea di tirar fuori qualche colpo di scena per stupire Marvin e gli spettatori. Ci si chiede se veramente riuscirà a realizzare quello che confabula.

E voi che ne pensate? Riuscirà Holland a piazzare il colpaccio e rubare il main event al nostro Marvin? Noi pensiamo di no, e ovviamente speriamo che ciò non accada.

Ma vogliamo sapere anche la vostra, dunque ditecelo nei commenti.

Written by Angelo Cenni
Caporedattore di TWISTERMMA.IT, seguo le MMA praticamente fin dall'inizio perché mi piace veder il sangue che scorre. Però solo per questioni evolutive. Sì, anche perché amo la volontà di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: