UFC, Dariush sulla sottomissione a Ferguson: “Ho sentito il legamento rompersi”

Beneil Dariush ha conquistato la sua settima vittoria consecutiva, vincendo per decisione unanime contro il leggendario Tony Ferguson a UFC 262.
Il match non è stata la battaglia in piedi che ci si aspettava, ma ha comunque regalato momenti memorabili, uno in particolare.

Al secondo round Dariush riesce a prendere la gamba di Tony, tentando così una leva al tallone, una delle sottomissioni più dolorose del Jiu Jitsu brasiliano. La sottomissione era completamente chiusa, la sofferenza di Tony si è vista in una smorfia di dolore. Ma Tony Ferguson non è un uomo qualsiasi, ha sopportato il dolore, ha accettato di farsi rompere qualche legamento e ha iniziato a colpire Beneil con l’altra gamba, riuscendo a liberarsi.

Beneil Dariush ha chiaramente sentito il legamento del ginocchio rompersi, e ne ha parlato durante la post fight press conference:

“Come ha fatto a non arrendersi a quella presa al tallone? Il suo ginocchio ha schioccato (il suono del legamento che si rompe), e ha schioccato forte. Ho visto la sua faccia cambiare per un secondo, poi è tornato normale e ha iniziato a calciarmi al corpo”

“Non voglio neanche immaginare [che tipo di infortunio ha subito], spero che non sia successo niente al suo ginocchio, perché è così che il tuo legamento crociato se ne va. Vai per una presa al tallone, e schiocca in quel modo, il tuo legamento crociato potrebbe essere andato. E so che è un super umano, lo abbiamo sentito ancora e ancora, ma non lo voglio per nessuno, non voglio quel recupero per lui, spero stia bene”

Alla domanda su cos’ha pensato quando Tony non si è arreso, Dariush ha risposto:

“Shock è la prima cosa, ma pensavo ‘Ho visto la smorfia’, allora ho provato la stessa cosa e lui è entrato in modalità zombie e ha iniziato a calciarmi… Pensavo “Finiamola qui” ma lui ormai era “No, sto bene, continuiamo”.

Questa è la seconda volta in due match consecutivi che Tony non si arrende ad una sottomissione completamente chiusa. Era successa infatti la stessa cosa contro Charles Oliveira a UFC 256, quando decise di non arrendersi ad una leva al braccio spaventosa.

 

 

 

Author
Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Giorgio Daino
Amante delle arti marziali, seguo le MMA da quando ero un bambino. Il mio obiettivo è di far conoscere agli italiani uno degli sport più esaltanti e adrenalinici del mondo. Ho una cintura marrone di Karate, qualche anno di Kickboxing alle spalle e dei maldestri tentativi di imparare il Jiu Jitsu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: