UFC, Georges St – Pierre: “Stando troppo in UFC i lottatori finiscono al verde!”

UFC – Georges St-Pierre lavorava come netturbino mentre combatteva in UFC.

Questa è solo una delle rivelazioni dell’ex doppio campione UFC in un saggio in prima persona a scritto a sorpresa per Wealthsimple Magazine. In questo saggio, St-Pierre apre il sipario su com’era la sua situazione finanziaria mentre lottava per la promotion di MMA più importante del mondo.

Per il suo debutto nel gennaio 2004 contro Karo Parisyan ad UFC 46, St-Pierre ha dichiarato di aver combattuto con un contratto di $ 3.000 per l’incontro e $ 3.000 in caso di vittoria. Per la sua primo incontro per il titolo UFC contro Matt Hughes nello stesso anno, St-Pierre ha detto di aver guadagnato $ 9.000 per l’incontro. Aver perso contro Hughes gli ha impedito di guadagnare i suoi $ 9.000 bonus in denaro.

Soltanto nel 2008 St-Pierre ha iniziato a guadagnare quello che spetta a un campione UFC. Era campione indiscusso della UFC dopo aver sconfitto Matt Serra per KO tecnico al secondo round, e la sua strada per diventare il GOAT era ben avviata. Ma il suo contratto con UFC era in scadenza, gli rimanevano solo due incontri.

Quando è tornato a novembre 2017 e ha vinto il titolo dei pesi medi UFC contro Michael Bisping, St-Pierre ha detto di aver guadagnato circa $ 10 milioni per l’incontro. St-Pierre ha rinunciato alla cintura un mese dopo per un problema di salute gastrointestinale. Nel febbraio 2019, ha annunciato il suo ritiro dalle MMA e da allora ha avuto successo come attore.

Sono molto fortunato e molto privilegiato di essere finito al top“, ha scritto St-Pierre. “La realtà è che la maggior parte dei combattenti finisce al verde. Stanno lì troppo a lungo. Ottengono danni al cervello. Vanno in rovina. Sono molto sano e sono ricco. È molto raro trovare qualcuno che appenda i guanti al chiodo e finisca sopra di denaro in questo modo”.

La volontà di St-Pierre di parlare della propria situazione finanziaria con UFC arriva in un momento in cui le chiacchiere pubbliche sulla retribuzione sono aumentate tra i combattenti di spicco, tra cui Jon Jones, Francis Ngannou e Paulo Costa. Forse lo sfogo deriva anche per il fatto che il presidente UFC Dana White impedisca a St-Pierre di fare un incontro di boxe con Oscar De La Hoya, sotto la  Triller Fight Club, e per cui St-Pierre ha espresso la sua piena delusione.

Anche se St-Pierre si è ritirato come artista marziale misto, il suo contratto UFC è rimasto congelato, dando a Dana White piena voce in capitolo sulla possibilità di competere in un altro sport da combattimento.

Author
Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Andrea Collu
Lucchese classe '94,studente di Scienze Motorie al secondo anno,praticante di Brazilian Jiu Jitsu a livello agonistico e appassionato di Mma dal 2010. I miei primi idoli furono José Aldo, Donald Cerrone e Alessio Sakara che hanno contribuito a farmi appassionare incontro dopo incontro alle arti marziali miste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: