I Mini Khabib vicini al match: Hasbulla inizia ad allenarsi nella palestra di Khabib

MINI KHABIB – Hasbulla Magomedov, ovvero la star di TikTok conosciuta dai più come Mini Khabib, è entrato ufficialmente nella palestra di famiglia di Khabib. La preparazione per il match in vista contro Abdu Rozik, l’altro meno celebre Mini Khabib, è iniziata e adesso è arrivato il momento di lavorare duro.

Attualmente dunque Hasbulla frequenta la Nurmagomedov School of MMA in Dagestan, allenandosi con i fighter locali attirati dalla possibilità di diventare anche loro campioni nelle arti marziali miste come il loro idolo, l’ormai famoso in tutto il mondo Khabib ex campione dei pesi leggeri UFC.

Per chi non lo ricordasse, Hasbulla è una celebrità del web, una star dei social che negli ultimi tempi è riuscita a conquistare il cuore di milioni di follower su TikTok e Instagram. Il ragazzo è alto 102 cm e pesa meno di 20 chili a causa di un deficit fisico della crescita che lo ha confinato nelle fattezze di un bambino.

Parlando di improbabili match che avrebbe voluto intrattenere con bambini, insomma persone fisicamente analoghe a lui, si è fatto notare da un fighter locale che ha deciso di tirarne su un fenomeno mediatico. Insignitosi del ruolo di manager, Asxab Tamaev ha sfruttato il cortocircuito dei social e organizzato una press conference, che ha guadagnato decine di milioni di visual, con un altro ragazzo affetto dalla stessa malattia.

Tale evento ha anche attirato l’attenzione di noti lottatori UFC, da Henri Cejudo a Khabib Nurmagomedov, fino alle prezzolate star di YouTube che si vendono alla boxe come i fratelli Jake e Logan Paul. Costoro in qualche modo hanno alimentato la fama di Hasbulla, il quale è adesso in procinto di allenarsi per l’imminente incontro.

Il problema è che la cifra richiesta da Hasbulla per il match, si avvicina intorno alle 200 mila sterline, mentre il suo avversario Abdu Rozik vorrebbe semplicemente combattere per la gloria, insomma gratis. In tutto ciò il manager Tamaev sta provando a convincere il dubbioso Hasbulla ad accettare la modica cifra di circa 70 mila sterline.

A complicare la situazione ci sono, da una parte i genitori di Hasbulla che giustamente preferirebbero non vedere il figlio combattere, mentre dall’esterno un’associazione russa di nani che condanna l’incontro o esibizione che sia, in quanto poco etico e intrinsecamente sbagliato.

Da quella che doveva essere una buffonata da social, si sta arrivando a strutturare un match vero e proprio con entrambi i ragazzi che si allenano per farsi trovare pronti all’appuntamento. Per come si sta sviluppando la situazione, è chiaro che in breve si arriverà a mettere nero su bianco, o per contro a chiudere la possibilità di svolgere realmente questo evento che ormai ha il sapore dell’assurdo.

E voi che ne pensate? Le cose hanno preso forse troppo il là oppure sarà l’opportunità per farsi quattro risate?

Written by Angelo Cenni
Caporedattore di TWISTERMMA.IT, seguo le MMA praticamente fin dall'inizio perché mi piace veder il sangue che scorre. Però solo per questioni evolutive. Sì, anche perché amo la volontà di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: