McGregor Facchinetti, Dana White: “Non ho parlato con Conor, aspetto di sapere altro”

Dopo quello che è accaduto tra Conor McGregor e Francesco Facchinetti, si è aperto un dibattito sul futuro dell’irlandese. Visti anche gli ultimi fatti di cronaca riguardanti Jon Jones, la gestione delle star più problematiche da parte della UFC è sotto la lente d’ingrandimento. Se Dana White si è augurato che l’ex campione dei massimi leggeri “smetta di bere”, il presidente della UFC vuole vederci chiaro prima di commentare l’ultima sventura di Notorious.

L’irlandese non ha ancora rilasciato dichiarazioni, mentre Dana White si è limitato a dire:

“Non ne sappiamo ancora abbastanza. Sinceramente, voi ne sapete più di me. Non ho ancora parlato con Conor. Non so quale sia la verità, non so cosa sia successo esattamente quindi proprio non posso commentare”.

Dire che quest’anno è stato difficile per Conor sarebbe un’eufemismo. Prima dell’episodio con Facchinetti, McGregor ha perso due volte con Dustin Poirier. A questo punto è lecito pensare che il suo status, che sembrava inscalfibile, non gli garantirà una chance titolata una volta conclusa la riabilitazione della gamba rotta a UFC 264.

Nella stessa conferenza stampa, White ha annunciato che molti fighter faranno bene a preparare le valigie per Fight Island. Il governo statunitense ha annunciato che, a partire dall’8 novembre, per entrare negli USA bisognerà dimostrare di essere vaccinati con uno dei sette vaccini approvati dall’OMS. Dana ha sempre ribadito con forza che non avrebbe mai obbligato i suoi atleti a vaccinarsi. Dopo aver avvisato i fighter tramite un comunicato di Hunter Campbell, la promotion prepara le contromisure. Per questo il boss ha confermato a MMAJunkie che la UFC sarà molto presente sulle coste del golfo persico nei prossimi mesi:

“Credo che Fight Island tornerà. Sì, faremo in modo di mettere in piedi altri eventi in quella regione. Mercoledì prossimo andrò ad Abu Dhabi e ho molti incontri in programma. Non vedo l’ora di presentarvi quello che abbiamo in serbo per FIght Island quindi la settimana prossima farò in modo di concludere tutto”.

 

 

Written by Gabriele Biasotto
24 anni. Conscio dell'immenso beneficio che le arti marziali e gli sport da combattimento hanno avuto per me voglio fare la mia parte per diffondere queste discipline nel modo corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: