UFC, il futuro nei piuma della Nunes: chiudere la divisione? Dana White ci pensa

UFC – C’è all’orizzonte l’ennesimo match per Amanda Nunes nella categoria dei gallo femminili. E nella categoria dei piuma? Effettivamente esiste qualcuno che la può battere e non sta in UFC.

Ricordiamo che fra 20 giorni la campionessa brasiliana si troverà a difendere la cintura dei gallo contro Julianna Pena a UFC 269. È ormai qualche anno che la Leonessa salta da una divisione all’altra portando a casa vittorie su vittorie, alcune anche impressionanti.

Ma in tutto ciò già ci si chiede se invece la vedremo ancora combattere nei piuma visto che ha praticamente svuotato la categoria e le fighter che possono sfidarla le ha già battute tutte. O almeno quelle più in alto nei ranking.

Megan Anderson e Felicia Spencer ne sono uscite malconce, Cris Cyborg manco a parlarne, dunque è lecito domandarsi se c’è qualcuno realmente in grado di affrontarla, oppure se forse è il caso di congelare la divisione in attesa dell’arrivo di qualche fighter veramente valida.

Dana White come al solito, rimane sul vago e non dà indicazioni precise su quello che sarà il futuro della categoria piuma femminile:

“Tutto dipende da quello che vorrà fare la campionessa. Ancora non lo so, vediamo come va il prossimo incontro e poi si deciderà”.

Volendo fare qualche previsione, in prospettiva potrebbe esserci un rematch con Felicia Spencer, sebbene tutti si chiedono se veramente ne varrebbe la pena. Oppure Norma Dumont, che ha incassato ultimamente una vittoria importante contro Aspen Ladd. Entrambe le atlete hanno in realtà dato vita a buone prestazioni. Per di più, in teoria, ci sarebbe anche la Tate che grida vendetta.

Ma la domanda è sempre la stessa: sono sufficientemente valide per la Nunes?

E da dietro la porta spunta una figura, quella di Kayla Harrison, imponente, sorridente tuttavia minacciosa. La campionessa della promotion PFL, è una judoka americana che colleziona medaglie d’oro alle Olimpiadi, e che nei tornei importanti della disciplina sbaraglia tutte e di brutto.

Inoltre è grande e grossa, più della Nunes, tanto da combattere, però soltanto nel judo, nella categoria dei pesi leggeri. Come nel judo, anche in PFL sembra dominare vincendo premi su premi, tra cui 2 negli ultimi 3 anni da 1 milione di dollari ciascuno. Anche Khabib la adora, pensate un po’.

Che sia lei l’opportunità giusta per Amanda? Magari anche per evitare di far chiudere la divisione dei piuma femminili? Tutto sta nelle mani del presidente White e solo lui potrà dircelo.

Intanto vediamoci il match della Leonessa il prossimo 11 dicembre.

Written by Angelo Cenni
Caporedattore di TWISTERMMA.IT, seguo le MMA praticamente fin dall'inizio perché mi piace veder il sangue che scorre. Però solo per questioni evolutive. Sì, anche perché amo la volontà di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: