UFC, Qileng Aori risponde ai commenti razzisti di Cody Durden

UFC – Cody Durden ha battuto Qileng Aori sabato a UFC Vegas 43, e nell’intervista post fight si è lasciato andare a dei commenti che hanno suscitato non poche polemiche:

Sapevo che sarebbe stata dura, ma dovevo farlo tornare in Cina, da dov’è venuto.

Durden aveva già parlato della questione, dicendo che aveva trovato molto irrispettoso Aori per non aver voluto stringergli la mano prima dell’incontro. Dopo aver inizialmente accettato tutto l’odio che aveva attirato, in seguito si è scusato su Twitter:

Mi dispiace se ho offeso qualcuno, non era mia intenzione.

Il fighter cinese ha voluto esprimersi con un post su Instagram:

Ho distrutto questo codardo nella gabbia, ma i giudici gli hanno dato la possibilità qualcosa di disgustoso, con quella bocca disgustosa. Non ha potuto fare nulla nell’incontro, e ho visto la paura nei suoi occhi. È un codardo.

Non è la prima volta che un fighter cinese viene preso di mira per la sua nazionalità: celebre il caso di Rose Namajunas su Weili Zhang.

Author
Published
9 mesi ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Viljar Ujkaj
Studente di Scienze Politiche all'Università di Pisa, avido fan di MMA dal 2010. La mia missione è contribuire il più possibile allo sviluppo e ad un'informazione corretta di questo bellissimo sport in Italia. Pugile a tempo perso, cintura bianca di BJJ, cintura nera in pignoleria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: