UFC, canto del cigno per la Modafferi: la regina degli anime all’ultimo match

UFC – Veterana con 20 anni di esperienza, sorriso sincero e grande passione per gli anime e i fumetti in generale. Parliamo di Roxanne Modafferi, che nel prossimo UFC 271 entrerà per l’ultima volta nell’ottagono contro Casey O’Neill: il 50° e ultimo match della sua lunga carriera.

La “guerriera felice”, questo il suo nickname tradotto, inizia la sua carriera da pro nel lontano 2003, quando ancora non c’erano molte donne nei roster, e in generale che praticavano le arti marziali miste. Una vera pioniera dunque che ha transitato dal Ring of Combat, allo Strikeforce, al King of the Cage, all’Invicta FC, per poi approdare finalmente in UFC nel 2017.

Mai rifiutato un incontro, sempre pronta a varcare la soglia dell’ottagono, nella sua storia è da ricordare il match contro Nicco Montano per l’inaugurazione della nuova divisione femminile dei mosca. Una Fight of the Night da brividi che si tradusse in una guerra senza mezzi termini con le fighter malconce alla fine ad abbracciarsi.

Adesso la Modafferi è stanca, dice di non avere più l’energia di un tempo e i suoi 39 anni cominciano a farsi sentire. Inoltre afferma che i mal di testa dopo gli sparring stanno diventando penalizzanti e dunque vedendo in prospettiva l’incubo del trauma cranico cronico, crede che questo sia il momento giusto per prendere la sofferta decisione di ritirarsi.

Effettivamente Roxanne ha sempre dato tutto nei suoi match; l’impegno, la costanza e il coraggio non le son mai mancati. È vero anche che non è mai riuscita a imporsi nel roster e scalare il vertice, tuttavia tra la sua simpatia e le performance, anche qualcos’altro ha dato ai suoi fan.

Appassionata lettrice di manga e di anime, in molti dei match ha fatto tributo ai suoi fumetti preferiti. Contro Talia Santos nel novembre scorso, durante la cerimonia del peso ha imitato l’iconico gesto dell’Armata Ricognitiva offrendo il suo cuore alle MMA, citando quindi L’attacco dei giganti.

Nel settembre del 2020 nel match vincente contro Andrea Lee si è presentata ai face off vestendo i panni di Rufy di One Piece, mentre nel gennaio dello stesso anno contro Maycee Barber indossava la parrucca da Super Sayan Blue che stava a indicare il level up che aveva raggiunto proprio in quel periodo.

In effetti come lei stessa dichiara è stato proprio Dragon Ball il fumetto che più l’ha appassionata e ispirata. Le sue saghe preferite sono state quelle di Cell e Majin Bu, sebbene quello che più ha apprezzato in generale forse è stato Dragon Ball Super, l’ultima serie prodotta nel 2015.

Nella sua Top 3 spicca oltre a Naruto, quello che in fondo definisce come il miglior anime mai realizzato, il già menzionata One Piece. I suoi personaggi preferiti sono stati Zoro e Luffy, quest’ultimo perché vuole sempre fare la cosa giusta. In questo si identifica la Modafferi, nel fare la cosa giusta, che spesso è anche la scelta più difficile da fare.

E la scelta Roxanne l’ha fatta. Questo sabato 12 febbraio, per lei sarà il momento dell’ultimo sforzo, della grande scelta ormai compiuta. E sicuramente visto il suo cuore ci regalerà anche qua una delle sue prestazioni migliori, non perché debba vincere, ma perché darà tutto, come del resto ha sempre fatto.

Ah, ha fatto anche uno spoiler sull’ultimo personaggio degli anime che vestirà. All Might di My Hero Academia, l’eroe che si ritira, sempre sorridente e socievole con tutti. Chissà se in queste vesti Roxanne saluterà la sua avversaria chiamandola “ragazza mia”? Lo scopriremo in questo weekend.

E voi apprezzate i fighter che amano gli anime? Sapevate che anche Adesanya nel precedente match con Whittaker aveva scritto il nome di quest’ultimo in un suo personalissimo Death Note?

Written by Angelo Cenni
Caporedattore di TWISTERMMA.IT, seguo le MMA praticamente fin dall'inizio perché mi piace veder il sangue che scorre. Però solo per questioni evolutive. Sì, anche perché amo la volontà di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: