UFC, Bobby Green ai pesi leggeri: “Siete stati delle fighette a rifiutare Makhachev”

UFC – Un’occasione si presenta, e visioni diverse portano a risultati diversi. Beneil Dariush si è infortunato e il suo match con Islam Makhachev è saltato. Bobby Green ha accettato con pochissimo preavviso un incontro con il top 5 della divisione (l’incontrò sarà un catchweight a 160 libbre) ed è convinto che se hanno chiamato lui è perché tanti altri fighter piazzati più in alto di lui nel ranking hanno rifiutato.

Il mio manager mi ha chiamato e io ero tipo “Cazzo Jason, sono in vacanza adesso. Ho appena fatto un cazzo di incontro e sono grasso da far schifo. Sto tipo a 195 libbre, e devo tagliare a 155?” La gente non capisce che sono grosso. Il giorno dell’incontro sono 175 libbre. Sono andato a un sushi all you can eat, mi sono divertito, e la prossima cosa che so è che sono 195 libbre. Non andrò a tagliare fino a 155. Arriverò a 160 per regalare uno spettacolo a tutti voi, ma non mi farete fare tutta quella fatica per farvi avere il vostro show senza guadagnarci niente.

Lo so già, i tipi in top 10, Dan Hooker lo ha detto meglio di tutti, tutti quei figli di puttana sono stati chiamati prima. Vi garantisco che sono tutti fighette. Tutti quei tizi sono delle fottute fighette. Vogliono aspettare e scegliere con comodo. “No, non è abbastanza buono. No, ho bisogno di più tempo. No, voglio combattere solo con gente più avanti di me nel ranking, però voglio che ci sia il camp giusto e voglio che ci siano tutte le situazioni giuste”. Tutti quei tipi fanno questi giochetti strani. Stanno con le carte in mano e aspettano il momento giusto per tirare fuori l’asso. Ma anche no! A volte devi rischiare e prenderla così com’è. Adesso sono passato avanti a tutti voi altri e sapete perché? Siete troppo fighette per cogliere l’opportunità.

Lo so che faccio sembrare questa merda semplice ma ci sono sempre doloretti, sempre dei piccoli danni che ti porti dietro dagli incontri. E adesso volete farmi rifare tutto di nuovo? È pazzesco. Ma voglio mostrare alla gente che non sono pazzo – sono completamente svitato. Completamente svitato. Farò vedere a tutti voi figli di puttana come si fa questa merda.

Lasciate che vi mostri un po’ di roba da gangster. Andrò lì e e farò questa merda con il tipo più in alto nella divisione. Andrò lì come un gangster e prenderò a pugni in faccia questo tipo. Continuerò a colpirlo in faccia finché non va giù. L’unica cosa che proverà a fare lui è lottare, e va bene. Vorrà lottare, lottare, lottare. Posso lottare anch’io. Va benissimo. Ma alla fine di tutto, dimostrerò ai miei colleghi, e ai miei avversari, questo è come cazzo bisogna fare questa roba. Non devi stare ad aspettare l’opportunità perfetta.

Bobby Green è un veterano dello sport, con più di 14 anni di esperienza da professionista in federazioni come King of the cage, Strikeforce e UFC. Ha sempre fatto la sua figura ottenendo vittorie di valore contro avversari come Pat Healy, Josh Thomson, Cay Guida, Lando Vannata e Al Iaquinta. Non è però mai riuscito a entrare nei piani alti della divisione. Sarà questo incontro con Makhachev la volta buona?

Nel suo ultimo incontro Green ha ottenuto una vittoria dominante per decisione unanime contro Nasrat Haqparast. 14 giorni dopo, il 26 febbraio, combatterà a UFC on Vegas 49 contro Islam Makhachev. Una bella sfida quella che si è messo in testa di fare, senza dubbio. Makhachev stesso, in precedenza, aveva detto che faceva fatica a trovare avversari che volessero sfidarlo.

E proprio come non gli piace stare ad aspettare l’occasione perfetta, Bobby Green non ha neanche intenzione di essere remissivo durante l’incontro:

Sta per entrare in un combattimento. E sì, proverà a portarmi giù e tutte quelle cose, ma sono pronto. Sarà un combattimento. Non sarà semplicemente un match del cazzo. Sarà un combattimento. Penserò tutto il tempo a fare roba da gangster. Entrerò in quella gabbia a testa alta. Lo so cosa pensa il pubblico, “È il più dominante, il più questo, il più quello, è in forma pazzesca”. So tutte queste cose, ma entrerò là come un gangster comunque e come ho detto, lo prenderò a pugni in faccia. E continuerò.

Author
Published
4 mesi ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Viljar Ujkaj
Studente di Scienze Politiche all'Università di Pisa, avido fan di MMA dal 2010. La mia missione è contribuire il più possibile allo sviluppo e ad un'informazione corretta di questo bellissimo sport in Italia. Pugile a tempo perso, cintura bianca di BJJ, cintura nera in pignoleria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: