UFC, Gilbert Burns: “Finalizzo Chimaev e combatto di nuovo per il titolo!”

UFC – Il momento che così tanti fan di MMA stanno aspettando si avvicina sempre di più: lo scontro tra Gilbert Burns e Khamzat Chimaev. Il fighter di origine daghestana è uno dei nomi più caldi di tutto il panorama dello sport, grazie a una sequenza di prestazioni spettacolari nei suoi incontri: 10 vittorie di fila, 4 in UFC e tutte per finalizzazione. E per aggiungere hype alla situazione, “Borz” è anche molto attivo fuori dai combattimenti: la guerra in Cecenia, il suo volo per andare a picchiare Conor McGregor, la sfida all’ex campione Jan Blachowicz giusto per dirne qualcuna.

Il suo avversario però non è esattamente uno sprovveduto: Gilber “Durinho” Burns ha un record di 5 vittorie e 1 sconfitta da quando è tornato nei pesi welter, e quell’unica sconfitta è avvenuta contro il campione in carica, imbattuto in UFC. Anche lui è nei piani alti della divisione e se dovesse battere Chimaev, sarebbe sicuramente vicino a un nuovo match per la cintura.

Per come la vedo io il rischio è molto grosso, ma lo è anche la ricompensa, – Un sacco di persone guarderanno. Dana ha detto che il vincitore potrebbe combattere per il titolo, anche se so che queste opinioni possono cambiare. Quindi sì, di sicuro vale la pena combattere con questo tipo.

È un duro. Giovane. Affamato. Ma se non è lui, aspetterei un altro tipo che dica di sì, e diciamo che batto questo altro tipo che non è Khamzat, se l’incontro va così così, non mi darà una title shot. Quindi darò tutto in quest’incontro, – Se vinco, prendo un’altra title shot. Se perdo, devo vincere un altro paio di incontri. Dovrò ripartire qualche passo indietro. E poi devi fare un altro incontro, ma io vado all-in. Non mi importa.

“Durinho” inoltre sa che oltre al semplice record, è importante la prestazione. E vuole finalizzare Chimaev in modo spettacolare:

Credo che sarà una finalizzazione, ma potrei anche sbagliarmi, sapete? Potrebbe essere una cazzo di split decision, e poi potremmo dover fare un altro incontro, quindi non mi piace fare troppi piani perché un sacco di volte ho ottenuto solo frustrazione, – Vedremo. Sono totalmente concentrato sulla mia prestazione, ma penso sarà una finalizzazione. Chiunque vinca penso sarà molto vicino a una title shot, ma è molto difficile controllare queste cose. Potrei andare lì e ottenere una finalizzazione, e Kamaru e Leon Edwards devono combattere a luglio, e se per qualche ragione l’incontro slitta ad agosto o settembre, non penso che né io né Khamzat aspetteremo così tanto per un incontro titolato, quindi Colby Covington è un’altra opzione.

Ci sono un sacco di scenari, quindi è molto difficile prevedere cosa succederà. Mi concentro sulla mia prestazione e penso sarà una gran bella finalizzazione, con cui manderò un messaggio importante, e ripartiremo da lì. Vedremo. Forse una title shot, forse un incontro con Colby, qualunque cosa, ma è troppo presto. Dobbiamo concentrarci sul 9 aprile, –

L’appuntamento quindi è il 9 aprile, UFC 273, una card che si prospetta fenomenale: oltre al match tra Burns e Chimaev, vi saranno ben 2 incontri titolati: Alexander Volkanovski vs Chan Sung Jung e Aljamain Sterling vs Petr Yan.

 

Written by Viljar Ujkaj
Studente di Scienze Politiche all'Università di Pisa, avido fan di MMA dal 2010. La mia missione è contribuire il più possibile allo sviluppo e ad un'informazione corretta di questo bellissimo sport in Italia. Pugile a tempo perso, cintura bianca di BJJ, cintura nera in pignoleria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: