Nate Diaz: “Mi hanno offerto più soldi di chiunque altro, ma io voglio andarmene”

Nate Diaz tornerà, forse per l’ultima volta, nell’ottagono a UFC 279, contro Khamzat “Borz” Chimaev. Il gangster di Stockton, reduce da due sconfitte e assente dai rankings, affronterà l’imbattuto #3 dei pesi welter Khamzat Chimaev in un match da 5 round. Questo match, apparentemente senza alcun senso, nasce da una dura battaglia contrattuale tra Diaz e la UFC. Nathan infatti ha l’ultimo match nel contratto, e pur di concludere la sua carriera e non ricevere l’estensione, ha deciso di accettare questo improbabile incontro.

Qualche giorno fa, ospite al The MMA Hour con Ariel Helwani, Nate ha parlato di questa sua battaglia contrattuale con la UFC:

“Non vogliono farmi uscire dal mio contratto, mi tengono in ostaggio”

“Il mio obiettivo è concludere la mia missione e uscire dal mio contratto. E loro mi rallentano, cercano di tenermi sotto contratto. Sto facendo tutto ciò che posso, non ho mai chiesto così tanti incontri nella mia vita…

Negli ultimi cinque – sei – sette mesi, quando chiedo un incontro mi offrono più soldi, mi offrono più soldi. Io sono ad un certo punto della mia carriera e della mia vita in cui voglio solamente andarmene. Capisci cosa intendo? Non ne posso più di tutto il roster UFC… Tutti vengono usati e abusati, tutti sono in una divisione riciclata… Penso che non c’è nessuno meritevole, nessuno merita un incontro con me al momento, quindi voglio andarmene per un po’ e recuperare da tutta questa mer*a”

Nate Diaz conferma quindi ciò di cui si parla da un po’, ha un ultimo match nel contratto, e la UFC vuole rinnovarglielo per tenerlo nella compagnia. Naturalmente ci sono in ballo anche tanti soldi, ma Nathan sembra determinato a continuare per la sua strada, rinunciando a quelli che sembrano milioni di dollari pur di allontanarsi dalla promotion:

“Mi hanno offerto, cinque offerte fa, più soldi di qualsiasi fighter UFC nella storia… E prima dell’offerta, stavo già venendo pagato più di qualsiasi detentore di titoli, chiunque, forse non Conor, ma quella è un’altra storia… Io non voglio più soldi, voglio andare [a fare] qualcosa di diverso”

Il rapporto tra Nate e la UFC non sembra però troppo difficile, è tutta una questione di business. Diaz infatti spiega di essere grato alla società, ma che ormai è utilizzato solo per costruire le carriere degli altri:

“Rispetto e apprezzo la UFC, amo la piattaforma che mi hanno permesso di costruire e tutto ciò che ho, ma l’ho anche fatto contro ogni aspettativa. Sono stato sottovalutato tutto il tempo. [Carriere] sono state costruite su di me a destra e a sinistra. e chiunque io combatto riceve il match per il titolo. Chi è il prossimo match per il titolo? E chi era il suo ultimo match? … Amo la UFC ma… mi valorizzano in privato, ma sono svalutato verso il pubblico”

E si arriva quindi a Khamzat Chimaev, la cui carriera sarà ancora più in ascesa dopo un match con il famosissimo Nate Diaz:

“Adesso sto ‘rifiutando’ Khamzat (in tono sarcastico). È quello che dico, mi offrono tutti i soldi del mondo, ma l’unico che sta rifiutando il match è Khamzat, prima di tutto, ed è l’unico match che mi stanno offrendo. E perché dovrebbero offrirmi quel match? Perché vogliono che io costruisca un’altra star, come ho fatto in passato. Chiunque io combatto riceve un match per il titolo… Controlla i libri di storia! Ho combattuto Josh Thompson e ha ricevuto l’incontro per il titolo. Due incontri dopo che ho combattuto con Gray Maynard ha avuto il match per il titolo. Chiunque contro cui combattevo a quei tempi combattevano per il titolo. Guarda, ho creato Jorge Masvidal, si sarebbe ritirato in qualsiasi momento e ho riportato lui in vita. Guarda cosa faccio per le persone! Quindi la svalutazione che ricevo dalla compagnia, è tempo che io svaluti loro”

Author
Published
3 settimane ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Giorgio Daino
Amante delle arti marziali, seguo le MMA da quando ero un bambino. Il mio obiettivo è di far conoscere agli italiani uno degli sport più esaltanti e adrenalinici del mondo. Ho una cintura marrone di Karate, qualche anno di Kickboxing alle spalle e dei maldestri tentativi di imparare il Jiu Jitsu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: