UFC, l’ultima idiozia di Sean Strickland: “Con un figlio gay, mi sentirei un fallito”

UFC – Anche i sassi sanno che Sean Strickland non possiede nessun filtro quando parla. E stavolta lo fa toccando il delicato argomento dell’omosessualità, visti i tempi, e dell’evenienza di trovarsi con un figlio gay.

Come ben sappiamo non è la prima volta che Strickland si getta in controverse dichiarazioni. Lo ha fatto parlando di omicidi, razzismo/nazismo, e adesso di sessualità. Insomma come al solito, il fighter californiano non lascia spazio a nessun tipo di immaginazione, e si conferma essere un onorevole esponente del terzo mondo dell’intelletto.

Queste le sue parole:

“Se avessi un figlio gay, penserei di aver fallito come uomo per aver creato una tale anomalia”.

In realtà il lottatore americano letteralmente dice “di aver creato una tale debolezza”, usando la parola “weakness”, che in inglese significa appunto “debolezza”, qui da intendersi come qualcosa di difettoso, dunque un’anomalia.

Ma non contento rincara la dose aggiungendo:

“Se invece avessi una put**na come figlia, credo vorrebbe essere come il padre, lol”.

Insomma, non fa una piega: sobrio e moderato come di consueto. Subito dopo l’uscita del tweet non si sono fatte attendere le risposte, e Strickland si è sentito in dovere di dare delle spiegazioni. E soprattutto di chiarire che non ha niente contro gli omosessuali:

“Ascoltate, gli uomini gay sono dei grandi. Io supporto loro e le loro scelte. Loro ce l’hanno fatta e sono sempre felici. Trovano continuamente partner con cui fanno sesso. Noi etero invece, siamo fottuti. Dobbiamo lavorare sodo per farci una sc**ata. Non è giusto”.

È innegabile pensare che la logica di Sean sia un po’ contorta, se non, diciamolo chiaramente, idiota. Le parole che pronuncia lo qualificano per quel che è, tuttavia è un’altra cosa che lascia perplessi. È che spesso, vista anche la sua lucidità in certe interviste, Sean non dimostra tanto di essere un sempliciotto o una mente infantile, ma uno che fa finta di essere stupido per dire in fondo quel che pensa veramente. Peggio che mai!

Ricordiamo che il 30 enne californiano si trova in una streak positiva di 5 incontri, e che secondo il calendario avrebbe dovuto lottare il mese scorso contro Luke Rockhold. Sfortunatamente il match è saltato per un infortunio dell’ex campione UFC, e di conseguenza ne è stato organizzato uno nuovo per il 5 febbraio ma con Jack Hermansson.

E voi che ne pensate delle sue dichiarazioni? Le considerate leggerezze, delle bambinate, o che in fondo al di là delle maschere siano molto serie?

Author
Published
4 settimane ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Angelo Cenni
Caporedattore di TWISTERMMA.IT, seguo le MMA praticamente fin dall'inizio perché mi piace veder il sangue che scorre. Però solo per questioni evolutive. Sì, anche perché amo la volontà di potenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: