UFC 265, che serata per Vicente Luque! Vittoria e complimenti da Usman e Burns

Scordatevi il Vicente Luque brawler senza controllo, forse non lo è mai stato. A UFC 265 (qui le pagelle) il brasiliano ha spazzato via ogni dubbio su una possibile corsa al titolo con una prestazione fenomenale contro Michael Chiesa. Dopo essere andato vicino a chiudere diverse sottomissioni, l’italoamericano ha lasciato il collo scoperto e The Silent Assassin non ha perdonato. Addirittura la quarta Brabo choke della carriera per Luque, che si sta scrollando di dosso qualsiasi etichetta: brawler, striker, gatekeeper, fate voi.

Dopo la sconfitta contro Stephen Thompson a UFC 244 – è lecito chiedersi come andrebbe un rematch, visto anche come andò il primo round – Luque ha cambiato marcia. Ha messo in fila Niko Price in uno dei match più bello del 2020, Randy Brown, Tyron Woodley – entrambi in modo dominante – e Michael Chiesa, fino a ieri a dir poco solido tra i welter.

La sconfitta con Thompson è l’unica negli ultimi undici incontri. Ma allora come ha fatto il brasiliano a farsi notare così lentamente, con uno stile così eccitante? Il carattere schivo e rispettoso non ha di certo aiutato, ma è come se di fianco alle sue vittorie ci fosse sempre stato una sorta di asterisco: Price, per quanto spettacolare, è rissoso e non ha nella difesa la sua qualità migliore; Brown era talentuoso, ma acerbo e fuori dai ranking; Woodley era già dato per finito. Ecco perché questa è la vittoria della legittimazione.

Quale legittimazione migliore di un tweet di complimenti dal campione della categoria? Kamaru Usman, ex Sanford MMA, ha reagito così alla prestazione dell’ex compagno di team:

 

“Sei stato bravissimo, amico mio, chissà che non balleremo presto insieme.”

Luque ha risposto così al tweet di Usman:

“Bellissimo. Un segnale di rispetto. Mi vede, sa quello che posso fare e che prima o poi arriverò ad un match titolato. Sarò pronto. Quando lo vorrà, sarò pronto. Sono l’unico della top 5 con cui non ha ancora combattuto. Ecco perché sono un matchup più interessante di Edwards.”

Anche Gilbert Burns ha voluto dire la sua. In questi giorni Durinho è semplicemente scatenato su Twitter, dove sta sfidando tutta la top 5 – oltre a Nate Diaz, perché non si sa mai. Ma un match con Luque è fuori discussione:

“Voglio chiarirlo ancora una volta: Vicente Luque è più di un amico per me, è un fratello, davvero un fratello. Non esiste che combatta con lui!”

La divisione dei welter, ancora una volta, sembra essere tra le divisioni più complicate della UFC dal punto di vista organizzativo: dove troverà spazio l’Assassino Silenzioso?

 

 

Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Gabriele Biasotto
24 anni. Conscio dell'immenso beneficio che le arti marziali e gli sport da combattimento hanno avuto per me voglio fare la mia parte per diffondere queste discipline nel modo corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: