UFC, Tate: “Rivoglio la cintura, so di poter battere la Nunes. Colpisce come un uomo”

UFC – Dopo la notizia del suo ritorno in UFC, Miesha Tate ha dichiarato le motivazioni che l’hanno portata a ritornare a combattere.

“Cupcake” si è ritirata dalle MMA nel 2016 a soli 30 anni, dopo aver perso per decisione unanime contro Raquel Pennington a UFC 205. Nella sua carriera, è riuscita a conquistare la vittoria del torneo femminile bantamweight del 2010 di Strikeforce, il titolo bantamweight di Strikeforce e il titolo bantamweight dell’UFC.

Dopo il suo ritiro, la Tate ha sempre negato ogni interesse di ritornare all’attività agonistica. Adesso, per l’ex-campionessa Strikeforce e UFC, sembra sia arrivato il momento di ritornare.

“Sono così emozionata, lo sono per davvero. C’è un fuoco che è stato acceso. Il mio cuore è così pieno di passione. Mi sento totalmente rinvigorita. Quando lo sai, lo sai, e io semplicemente lo so. Nella vita, sono sempre stata il tipo di persona che ha seguito il suo cuore e che ha fatto quello che si sentiva, e questo non mi ha mai fatto sbagliare. Sono il tipo di persona che può cambiare direzione rapidamente e che non è spaventata a farlo. Se sento che è la cosa giusta, vado dritta per la mia strada, ed è per questo che sono qui.

“Lo sport mi sta chiamando. Sento che mi sta chiamando e, adesso, è arrivato il momento di rispondere.”

Dal suo ritiro nel 2016, la Tate si è tenuta molto impegnata. Ha avuto due bambini, si è unita a One Championship nel ruolo di vice-presidente e si era trasferita a Singapore. A causa dello scoppio della pandemia di Covid-19, la Tate è dovuta ritornare negli Stati Uniti dove è tornata ad allenarsi al Xtreme Couture. Ed è qui che la UFC le offre di combattere contro Marion Reneau.

È successo che la UFC mi disse che la Reneau era disponibile e io ho pensato: « È perfetta per me». Sono passati quattro anni dall’ultima volta che ho combattuto. Penso che Marion Reneau sia solida in tutte le aree del combattimento. Ha chiuso una triangle choke a Sara McMann. È pericolosa quando lavora da sotto, è anche pericolosa nello striking, in più sarà il suo ultimo match prima di ritirarsi. Quindi, immagino che, quando le hanno proposto il match, lei sarà stata molto eccitata.

“Penso che Marion Reneau sia una grande. Poi, quando sai che sarà il tuo ultimo match, di sicuro ci sarà molto fuoco, molta passione, perché ovviamente vorrà chiudere la carriera con una vittoria. Metterà tutta se stessa nell’incontro perché non dovrà riservare alcuna energia per il match successivo. Si chiuderà il sipario, saranno i momenti finali per lei, quindi so che cosa porterà lì dentro. D’altro canto, io ho molte cose che devo provare. Mi devo togliere questi cinque anni di dosso per andare lì fuori, fare una grande prestazione e vincere, così da iniziare una seconda parte della mia carriera.

“Ho ancora sei incontri sul contratto, so che voglio dedicarmi interamente a questo sport nei prossimi due anni. Ma, ascolta, tutto può succedere, anche dopo un incontro. Sarò onesta, non so esattamente cosa aspettarmi. Per questo è cosi eccitante per me. Ma posso dirti che questo è il mio piano per i prossimi due anni, essere completamente coinvolta in questo sport. Ovviamente, voglio ritornare a essere campionessa.

“Mi piacerebbe riavere la cintura indietro. Mi piacerebbe combattere con Amanda Nunes perché so di avere lo stile per poterla battere. Non prenderò assolutamente nulla di quello che è suo. Lei è spaventosa e colpisce come un uomo. Lo so questo. Ci sono passata personalmente e ho visto che cosa è riuscita a fare da allora. Ma so di avere lo stile per batterla.”

 

 

Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: