UFC, Khamzat Chimaev sfida anche Blachowicz e distrugge una Mercedes (FOTO)

Tra i fighter UFC più attesi ad un grande ritorno non può mancare Khamzat Chimaev. Serio contendente al titolo di Fighter of the Year nel 2020, Borz è piombato su UFC Fight Island a luglio 2020, dove ha vinto due incontri in 10 giorni stabilendo record su record con il suo ground and pound. Quando il livello della competizione si è alzato con Gerald Meerschaert, Chimaev ha messo in mostra il suo KO power stendendo lo statunitense dopo pochi secondi. Il cielo sembrava il limite per lui, che però è stato colpito dal Covid in modo particolarmente cruento, tanto che Dana White si è impegnato in prima persona per aiutarlo. Ne abbiamo parlato qui e qui. Dopo che le sue condizioni sono migliorate, il ceceno ha detto a Neil Magny di tenersi pronto.

Negli ultimi giorni, però, Chimaev ha decisamente alzato il tiro. Tra una minaccia e l’altra, il ceceno – svedese ha addirittura sfidato Nick Diaz con una foto sul suo profilo Instagram.

https://www.instagram.com/p/COJEki6lsXU/

Servono tre indizi per fare una prova ma ricordiamo che Dana White ha confermato che il fratello di Nate tornerà in azione.

Come al solito, Chimaev non fa nulla per abbassare le aspettative su di lui. Perso tra i tanti callout non va dimenticato quello per Jan Blachowicz. Tra i tanti motivi dell’ascesa sportiva e mediatica di Chimaev c’è la sua capacità di combattere in due classi di peso, i welter e i medi. Pare che ora Borz, che si allena con i massimi leggeri UFC Alexander Gustafsson e Ilir Latifi, abbia messo gli occhi anche sulle 205 libbre. Ha spiegato il tutto a Brett Okamoto diESPN:

“Per me non importa. Ho due classi di peso che mi aspettano, o magari posso andare anche a 205 libbre. Ho fatto sparring con gente che è nella top 10 dei massimi leggeri. Non voglio fare nomi, ma loro sanno cosa succede quando fanno sparring con me.

Posso battere anche Blachowicz. Ma anche Adesanya. Ha perso con Blachowicz per via del wrestling, e Blachowicz non è un wrestler. Lo so, non combatto da tanto, non ho combattuto molto, ma so chi sono. Devo solo farlo vedere. Sono tornato. Datemi qualcuno, non importa chi. Da sano combatterei veramente con chiunque, anche Brock Lesnar.”

Nell’attesa del prossimo avversario, Chimaev avrà altro a cui pensare. Borz, che si sta allenando in Cecenia, ha distrutto la Mercedes regalatagli dal dittatore Ramzan Kadyrov, secondo i media locali. Kadyrov è vicino a diversi fighter del Caucaso, come Khabib Nurmagomedov, ed era intervenuto personalmente per convincere Chimaev a non ritirarsi. Nonostante le condizioni dell’auto, Chimaev sta bene.

 

Written by Gabriele Biasotto
24 anni. Conscio dell'immenso beneficio che le arti marziali e gli sport da combattimento hanno avuto per me voglio fare la mia parte per diffondere queste discipline nel modo corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: