UFC – Ciryl “Bon Garmin” Gane, anatomia di un campione

UFC – Il ragazzo Francese! Una cosa è certa, ci ricorderemo del ragazzo Francese.
Ciryl Jacky Gane ,La Roche-sur-Yon, 12 aprile 1990, è uno di quei talenti puri come i diamanti, tanto che avrebbe potuto spiccare in qualsiasi sport.
Inizia con in calcio e il basket, ma non ci mette molto ad avvicinarsi agli sport da combattimento. Dopo una carriera nella Thai entra in UFC e spicca subito per eleganza, ma è nel suo ultimo match che fa vedere al mondo intero il suo talento.

Siamo a UFC 265 e l’avversario è Derrick Lewis, tutt’altro che un peso massimo usuale.
Al contrario di quanto si pensi, Lewis è veloce e potente e ha un tempismo che non ha nulla da invidiare ai più grandi.
Le sue doti atletiche sono notevoli, e ce lo mostra subito a inizio round con uno switch kick (colpo non facile da eseguire nemmeno per i pesi più piccoli). Ma non è abbastanza. Non lo sarà mai.
Gane è un biotipo perfetto per fare quello che fa, ovvero lo switch – hitter, out – fighter con tendenze al counterpunch.
Braccia e gambe lunghe ottima mobilità e piedi veloci.

Ed è così che annichilisce tutti suoi avversari, compreso quest’ultimo, il footwork sublime fa si che sia sempre un bersaglio difficilmente colpibile dall’avversario perché scompare nell’angolo cieco a sinistra.
Il suo footwork è circolare ma taglia gli angoli in linea retta spesso con colpi dritti, il cambio continuo di guardia gli consente di mettere o gestire la pressione molto bene e questo lo fa apparire sempre in controllo.
Quello che mi ha personalmente stupito però è la duttilità e la capacità di adattarsi.
Molto bello infatti come, una volta giunto il momento di spingere sull’acceleratore ha messo da parte la tecnica per infilati colpi potenti. Molto potenti.
Che gli hanno consentito di vincere match e cintura ad interim.

Adesso ad attenderlo ci sarà il campione UFC Francis Ngannou , un campione potente ma migliorato.
Lì si che dovrà gestire colpi, distanze ed energie, anche se al momento può essere favorito.
Una cosa è certa, a 31 anni visto la categoria in cui milita, ha ancora una lunga carriera davanti.
Noi non vediamo l’ora di scoprirla.
La carriera del ragazzo Francese.

Published
1 anno ago
Categories
UFC
Comments
No Comments
Written by Gianmarco Frassi
Da praticante di pugilato e muay thai, mi avvicino alle MMA nel 2006, e ne sono subito stregato, tanto da provare anche il BJJ. Uno sport che è affascinante per la sua totalità. Così completo da essere quanto di più vicino a uno scontro in natura. Perché la lotta è insita nell’uomo, tanto da trovare le fondamenta, nelle profondità della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: